top of page
Cerca
  • Nicole Jackson

Perché ho scelto i pannolini lavabili.

Perché l'uso dei pannolini lavabili può riservare vere sorprese. Non si tratta solo di risparmiare grandi quantità di discariche.

Permettimi di iniziare dicendo qualcosa che, probabilmente, ti suonerà un po' folle: finora usare i pannolini lavabili è stata un'esperienza incredibilmente divertente per me!No, non sono pazza e no, non amo il bucato.Quando ho avuto il mio primo bambino, circa 4 anni fa, i pannolini non erano affatto una cosa a cui pensavo molto. Tranne quanto mi costavano (parliamo di aggiungere al conto della spesa ogni settimana!), e durante quegli inevitabili momenti in cui sei rimasto solo un paio e devi fare una corsa fuori programma al supermercato.Credimi, qualsiasi imprevisto era sempre una seccatura con un bambino piccolo in giro.




Avevo già sentito parlare di pannolini lavabili, ma non mi ero mai preso la briga di esaminarlo. Ho a cuore l'ambiente, ma il tutto mi è sembrato uno sforzo eccessivo e per nulla adatto alle mie esigenze. Ripensandoci, non sapevo nemmeno esattamente quanti rifiuti creassero i pannolini usa e getta.


Quando mio figlio ha imparato ad usare il vasino, però, ma aveva ancora bisogno di un pannolino "per ogni evenienza" durante la notte, poiché lo spreco di buttare via i pannolini asciutti ogni mattina ha iniziato a darmi davvero fastidio.


Ho iniziato a cercare online e ho subito trovato centinaia di opzioni, stili e tipi di pannolini riutilizzabili da provare. Ne ho acquistati 5 a caso. Dopotutto era solo per il pannolino notturno di mio figlio.


Quando sono arrivati per posta, mi sono convertito rapidamente. Erano così incredibilmente morbidi, soffici e assolutamente meravigliosi. Penso che sia stata la loro morbidezza a conquistarmi davvero. Ne ho lasciati due per mio figlio, ho usato gli altri 3 per mia figlia appena nata e ho provveduto ad acquistarne altri.


Mio figlio era completamente asciutto nel giro di un mese circa, ma la mia ragazza indossava abiti a tempo pieno fin dall'inizio.

Ho commesso degli errori lungo il percorso, a causa della mancanza di informazioni e di supporto a mia disposizione in quel momento. Tuttavia, ho adorato il tempo che ho trascorso imparando, ricercando e sperimentando! La mia base di conoscenze è cresciuta in modo esponenziale, poiché ero sinceramente interessato solo a esplorare i tessuti come una valida opzione per la cura dell'igiene dei neonati e delle donne.


Insieme alla mia amica e compagna Tamla, ho fondato Cloth Bums per Cipro e questo ci ha invariabilmente portato a fondare Vivilino. Tutto nel tentativo di fornire il supporto che mi mancava alle neo mamme e alle donne interessate a passare all'abbigliamento.


Anche le mie ragioni per scegliere il tessuto si sono sviluppate e sono diventate più complesse nel tempo. Sono diventato più consapevole dell'impatto ambientale dei prodotti usa e getta, nonché del loro processo di produzione e della loro composizione. Sono diventato un sostenitore dell'accettazione e della normalizzazione delle funzioni corporee, soprattutto per quanto riguarda la cura mestruale. Nascondere, buttare via e provare disgusto associati ai prodotti mestruali nella nostra società invia un messaggio potente alle ragazze riguardo alle funzioni del proprio corpo e dell'utero. Allo stesso modo, essere più in contatto con le funzioni corporee e le abitudini del mio bambino mi ha dato più fiducia come madre.


Nonostante tutti i motivi, voglio comunque dire a tutti coloro che potrebbero prendere in considerazione i tessuti: basta toccare con mano quanto sono morbidi!! Non indossiamo biancheria intima di plastica, quindi perché la scegliamo per i nostri bambini? Cosa preferiresti indossare?


 

Autore del testo: Nicole Jackson

Fotografia: Pixabay





1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page